Archive for June, 2006

Easy Ride: nuovo video virale Kenwood

June 27, 2006

immagine-12.png
Ricevo da cari amici ed ex-colleghi e volentieri pubblico, il nuovo video virale di Kenwood Italia.
Dedicato a tutti quelli che hanno scarso senso dell’orientamento e per questo non possono fare a meno dei navigatori……..
attenzione pero’!


iberia airlines e la word of mouth marketing conference mancata…

June 20, 2006

vvv.png
Dopo aver vissuto 10 ore all’aeroporto di Madrid alla stregua di Tom Hanks nel film “the terminal”. Eccomi qua seduto alla mia scrivania, a Milano, a parlare dell’inefficienza dell’iberia invece che della “succulenta” conferenza alla quale mi stavo recando.

Questa la storia:

“sarei dovuto partire da milano linate alle 8:30 del 19/6 per raggiungere madrid. Alle 12:05 avrei dovuto prendere un volo per chicago e poi la coincidenza per san francisco. dove sarei dovuto atterrare alle ore 20:00 del 19/06. pronto per la womma conference del 20/6.

il viaggio tuttavia è andato diversamente.

Parto da milano linate con 1 e 45 min di ritardo, arrivo a madrid, l’aereo era ancora lì ma non mi hanno fatto salire. “Vada all’ufficio iberia”, mi hanno detto!, vado all’ufficio iberia, disperato li prego di trovarmi un volo sostitutivo….mi dicono “vai tranquillo ti abbiamo messo in lista d’attesa sul volo delle 17:00 per new york, vai tranquillo hai grosse chance di farcela. No worries!”, a questo punto vado a rilassarmi, lavoro un po’ al computer, alle 16:00 mi presento al desk della waiting list…e dopo 7min, dico 7.., hanno il coraggio di dirmi “…ci spiace ma è impossibile che lei riesca a salire sul volo per ny, è overbooked e prima di lei ce ne sono 48….”

a questo punto vi lascio immaginare il mio umore e la trafila di uffici che ho visitato le restanti 4 ore in aeroporto..

Alle 20:00 l’ennesimo addetto al customer service mi ha detto che non avrei avuto chance di partire per gli states in qualsiasi città d’europa, per cui ho preso un volo per casa…e all’ 1:00 di mattina sono arrivato.

Mi è andata meglio di Tom Hanks direte voi….sicuramente..ma il punto è un altro! L’Iberia è stata inefficiente, non è stata in grado di trovare tempestivamente una soluzione alternativa, senza parlare della cortesia degli addetti al customer service…

Parte oggi la trafila burocratica di reclami per ottenere rimborsi ed indennizzi vari. Vi farò sapere.

dimenticavo:…la mia valigia sì quella è a san francisco ora!!

UPDATE:
La valigia mi è arrivata a casa, giovedì 29 giugno 2006, non grazie agli sforzi della compagnia aerea, ma grazie a quelli di mia moglie che ha martellato di telefonate l’ufficio (sempre occupato) lost&found di Linate.
Ancora nessuna risposta ufficiale dall’Iberia….

UPDATE/2:
…ritornando al concetto che “markets are conversations”….guardate un pò quando digitate su google (italiano) “Iberia” per non dire “reclami Iberia”….guardate la posizione del mio post…

slow blogging + san francisco

June 18, 2006

sanfr.png

Si parte!…direi che con questa chiudo il cerchio.
Parto con molte aspettative, più conoscenza e più esperienza.

ci vediamo dopo il 24 giugno.

how to monitor your brand online

June 14, 2006

Thanks to BL Ochman of whatsnextblog.com you can read my (italian) post + comments in english.

"Here's SRF Global Translations' certified correct English translation of the Fluido post.

(you can always receive automatic updates through customized RSS feeds based on your own search keywords):
_ feedster
_ technorati
_ IceRocket
_ google.com/blogsearch
_ blogpulse
_ yahoo news
_ google news
_ msn news
_ pubsub

Email Alerts
Personalized alerts, created ad hoc by users.
Alerts are automatically sent by e-mail, whenever articles/posts/comments matching user-defined topics get published online.
_ google alert
_ yahoo alert

Message Board & Forum Tracking
search engines dedicated to forums and message boards
_ boardreader
_ forumfind
_ big-boards
_ boardtracker
_ ivillage
_ yahoo message board
_ msn money

Message Groups Tracking
search engines dedicated to message groups
_ yahoo groups
_ aol groups
_ msn groups
_ google groups

Competitor web pages tracking
_ copernic tracker
_ website watcher
_ watch that page

Trend Analysis Tools
“Special” tools (offered by some search engines) that help visualize through charts the popularity of user-defined search terms.
_ blogpulse
_ technorati
_ google trends

….to get an idea of stories that generate a “buzz” in the blogosphere:
_ memeorandum
_ blogniscient
_ digg

….to get an idea of bloggers’ opinions, both positive and negative:
_ opinmind

….to check the number of visitors in a blog, as well as its reliability and popularity:
_ pubsub
_ alexa
_ IceRocket
_ technorati

….for research on bloggers' identities, as well as forums' and select newsgroups' editors’.
_ whois
_ betterwhois
_ ajaxwhois

…for round-the-clock monitoring of social networks, such as:
_ myspace
_ msn spaces

update

monitor this
keotag
bloginfluence
oodle
planetfeedback
yahoo video
google video
blogsearch.ask.com
techmeme

This entry was posted on Tuesday, May 30th, 2006 at 10:08 am and is filed under consumer generated media. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

10 Responses to “mini-guide to CGM monitoring”
1. Ozgur Alaz Says:
June 11th, 2006 at 8:17 pm
Great lists
thanks

2. Paul fabretti Says:
June 13th, 2006 at 2:58 pm
Fantastic! Probably more important than the much used Web 2.0 directory. everyone is desperate to get some sort of metrics on the blogosp[h]ere and CGC – this is a very useful list!
Thanks

Paul
3. Massimiliano Says:
June 13th, 2006 at 3:55 pm
I'm not sure if you’re aware that Steve Rubel – one of the most important bloggers in the world (micropersuasion.com) – has mentioned your article… congratulations!

4. Easton Ellsworth Says:
June 13th, 2006 at 4:16 pm
Grazie! I don’t speak Italian, but Google helped me translate this page and I want to say thank you for providing this excellent list of search tools.

5. MondoBlog Says:
June 13th, 2006 at 6:20 pm
A list of tools for online monitoring of your own brand
Fluido has compiled a great list of all online tools that can be used to monitor one’s own brand.
Not to be missed!

6. Googlisti.com – letting know is more important than letting ignore – Says:
June 13th, 2006 at 8:00 pm
[…] A guide to monitoring web sites, June 13 2006. A notice to those working in the Web: Fluido has compiled an extremely useful inventory of tools for monitoring one's own brand, which is a list of indispensable resources in the over-crowded blogosphere world! […]

7. B.L. Ochman Says:
June 13th, 2006 at 10:16 pm
This list is a great resource. Why not start a wiki and let people add to it so it stays up to date?

8. BoumBlogCommunication » Links of June 13 Says [in French]:
June 14th, 2006 at 1:30 am
[…] Fluido: Outils Web 2.0 to help monitor one’s own brand online. I especially like Google Trends; […]

9. fluido Says:
June 14th, 2006 at 7:45 am
@b.l ochman
thanks. i do agree with you. a wiki would be the best solution to keep this list up to date.

10. Lee Odden Says:
June 14th, 2006 at 12:23 pm
gada.be is also an excellent resource for monitoring multiple tag based search properties and you can output an opml for importing into your RSS reader."

Sul futuro dell’advertising….

June 14, 2006

immagine-7.png

Vi invito a scaricare gratuitamente questo e-book di Ernie Mosteller su come l'industria dell'advertising sta cambiando e su come le agenzie dovrebbero reagire a questi cambiamenti.

Il concetto è semplice:" non puoi utilizzare un mulo senza "bacchettarlo" un pò prima con un bastoncino!"

segue un estratto delle prime pagine del libro:

"What we need is a good stick
My dad is as Southern as they come. He’s a citrus grower. And he’s full
of the kind of common sense most people in advertising or marketing or, well,
most businesses, never even stop to consider anymore.
Dad used to joke that before you can get a mule to do anything – first,
you have to whack him over the head with a stick – to get his attention.
Fortunately, we never actually had a mule, so I never had to witness this
theory in action. Animal cruelty aside, though – I’m thinking advertising, maybe,
needs a good whack.
Which led me to think more about that stick.
Adults don’t pay much attention to sticks. Unless we’re raking the yard,
or cleaning the gutters. But kids like sticks. Because they’re simple enough to
do, or be, anything.
If you’re a kid, a good stick can solve almost any problem. Whether it’s a
stick you found in the yard, or a broomstick you found in the closet. It can be a
bat, or a laser, or a flagpole. It can hold up a tent, poke into a hole to see
what’s there, and reach the shoe that, somehow, got stuck in a tree.

Most adults have forgotten just how useful a good stick can be. Maybe
the kids are onto something. Maybe, when we find our complicated solutions
aren’t working, we should do what a kid would do: Use a stick.
But, remember: Just because something is simple, doesn’t mean it’s
easy or painless. Advertising, the way it exists right now, is a lot like that mule.
Before we can solve anything, we might have to take a couple of whacks"

Web2.0 secondo yahoo: diretta live su blog

June 14, 2006

immagine-2.png
Su questo blog potete seguire in diretta la conferenza stampa di Yahoo! Italia che presenta la propria visione del Web 2.0.

Nasce Invad.it ovvero “sconsigli per gli acquisti”

June 13, 2006

immagine-3.png

Direttamente dalla scuola politecnica di design di Milano, ricevo e volentieri pubblico.

Invad è forse la testimonianza che le cose stanno cambiando anche a livello"accademico"? Spero di sì! Agli studenti del Politecnico i miei migliori auguri.

Di seguito il manifesto dell'iniziativa:

Invad è l’ultima frontiera della comunicazione pubblicitaria.
Nasce tra gli studenti di un master di advertising, nelle aule della Scuola Politecnica di Design di Milano.

Invad è una presa di coscienza e una provocazione insieme. Perché la pubblicità è passata dalla persuasione alla pervasione, insinuandosi ovunque per trovare nuovi territori d’ascolto, laddove gli individui – i famigerati target – hanno imparato a svicolare, criticare, boicottare, scegliere, consigliare e relazionarsi in maniera diversa.

I ragazzi, le persone – o peggio, i consumatori e i responsabili d’acquisto – sono sempre meno davanti a uno schermo e sempre più di fronte a un monitor o a un display, usano la rete per connettersi tra loro, per condividere e scambiare esperienze. A volte, un blog o un gruppo di discussione può condizionare un acquisto più di quanto possa fare uno spot o una doppia pagina.

I pubblicitari stanno precipitosamente cercando di intercettare il fenomeno, hanno coniato un nuovo lessico che parla di viral e guerrilla, ed è incredibile come a volte le parole siano testimoni di un disagio: da una parte, la semantica patologica che sintetizza la nuova capacità dell’advertising di propagarsi a livello virale attraverso il passaparola; dall’altra, il vocabolario belligerante chiama guerrilla marketing la battagliera resistenza degli addetti ai lavori per impedire ai target di guardare da un’altra parte.

Quindi, oggi come si può insegnare advertising a giovani studenti che potrebbero diventare i direttori creativi di domani?
I fondamentali valgono sempre, le regole del copywriting e del design per fortuna non cambiano, ma ci sono nuove consapevolezze di cui è obbligatorio tener conto. Passano dalla rete, dalle associazioni di consumatori, dai fenomeni di boicottaggio, dai movimenti nopub e da una convergenza mediatica sempre più diffusa che allontana il pubblico dai canali tradizionali.

Per questo a scuola impariamo a fare advertising usando i registri più attuali, ma con Invad abbiamo rotto gli indugi, fantasticando di profanare gli ultimi spazi ancora vergini. Volutamente dissacranti, visionari e – qualche volta – provocatori.
Immaginando brand che si fanno largo all’interno di improbabili media che l’invasione pubblicitaria dei nostri giorni non ha ancora considerato, forse per pudore.

E siccome il pudore non è nelle nostre corde, abbiamo raccolto tutte le nostre idee dentro un contenitore. Che oggi è questo blog e continuerà a raccogliere stimoli e spunti di chi vorrà cimentarcisi, ma anche denunce e testimonianze di quanti vorranno pubblicare l’ennesima intrusione di un advertising sempre più in difficoltà.

one, a consumer revolution for business: e’ arrivato!

June 12, 2006

one.jpg
Foto_061206_005.jpg

Circa un mese fa avevo aderito all'iniziativa di stefan engeseth, autore di One: a consumer revolution for business: "100 free copy of my new book: ONE-A consumer revolution for business" per chi gli avesse mandato una mail motivata di richiesta.

La mia è stata:"I need to have your book because i'm the ONE is talking and spreading the ONE philosophy in Italy.
sincerely….."

lui è stato molto spiritoso, ha dichiarato il suo amore per l'italia e…ecco qua il libro.

grazie stefan

english translation:

" About one month ago i had partecipated to stefan engeseth
initiative of sending 100 free books to bloggers motivating their
request.
My request was: "I need to have your book because i'm the ONE is
talking and spreading the ONE philosophy in Italy. sincerely…."
He answered me very kindly an with  a great sense of humor telling me
his love for Italy…and now here it is …his book.

thanks stefan"

Come si diffonde l’informazione?

June 11, 2006

Immagine 11.png

"What makes a clothing style, TV show, or movie "take off" in popularity?What leads to the spread of fads and crazes?
Some scholars focus on the products or ideas themselves (known as memes).
Others look at the social networks over which messages are transmitted.
From culture to public health to surfing the 'net, networks and diffusion processes play major roles.
I hope you'll find the educational resources below to be useful.
The list of links has gotten pretty long, so be sure to scroll all the way down!"

via word of mouth communication study, scopro questa interessantissima raccolta di conoscenza e risorse in merito a social network, word of mouth, memes…gestita dal Dr. Alan Reifman, membro della Texas Tech University, Department of Human Development and Family Studies.

strange days

June 9, 2006

periodo strano, intenso, molto lavoro, difficoltà di conciliare blog e lavoro…vi chiedo un pò di pazienza.

buon fine settimana a tutti