Archive for the ‘blog&adv’ Category

cisco…, birra…, lele dainesi…

May 23, 2007

disclosure: l’azienda per cui lavoro ha come cliente cisco

l1000009.jpg

… ma al di là di questo… è stata un’occasione molto piacevole per incontrare amici e colleghi.
… e per testare “sul campo” questa modalità di interazione informale tra aziende e utenti.
… sono rimasto piacevolmente colpito da stefano venturi (nella foto sopra) ad di cisco italia, soprattutto dall’ultima parte del suo intervento, quella in cui parlava di “ecosostenibilità” del lavoro nell’era moderna…non solo PR cisco-oriented…insomma… è un venuto un pò fuori… l’uomo

… e soprattutto un grosso in bocca al lupo a lele che inizierà a lavorare per cisco!

Advertisements

Media Plan innovativo per Dodge

April 3, 2006

Immagine 11.png
Media Plan innovativo per il nuovo modello della Dodge, Caliber.

Target
Professionisti giovani (25-35) e un pò "hip", early adopters di nuove tecnologie i cui consuption patterns sono prevalentemente:

  • internet
  • gaming
  • video

Target demografico sensibile ai messaggi trasmessi nei luoghi dove si aggrega, sia online che offline, estremamente influente ma difficile da raggiungere, che predilige brand hip e popolari, ma non troppo commerciali.

Piano Media
Internet
20 % (in confronto al 4/5% degli anni passati) del budget pubblicitario riservato alla Caliber verrà destinato a canali pubblicitari definiti dall'azienda "non tradizionali": internet e videogiochi ("gaming). L'adv online sarà concentrato su website che parlano di musica, intrattenimento, animazione , sport.
Previsti banner su siti come The Onion, Daily Candy e The Knot. Spot video di 30" sul nuovo portale (contenuti video irriverenti per 20enni) di Time Warner "Office Pirates".
Previsti moduli video di 30" in rotazione su dodge.com

Product Placement

Accordo con Comedy Central per piazzare la Caliber in un TV sketch del venerdì sera, che apparirà sia in TV che online.
Inclusione della Caliber in 4 videogiochi per Sony Playstation e XBox

Social Networking
Creazione di un personaggio brandizzato su myspace.com.
Avatar brandizzato per l'istant messenger di Yahoo e MSN.

Online gaming
4 online games con la Caliber

TV
Spot su Tv via Cavo e Satellitare

Bloggers! misurate il vostro EGO!

March 7, 2006

Immagine 22.png

Si sa! tutti i bloggers hanno un ego molto sensibile. Ecco uno strumento che misura il vostro ego attraverso il ranking del vostro blog.

Utile e divertente!

“egoSurf helps massage the web publishers ego, and thereby maintain the cool equilibrium of the net itself”

via basement.org

Torino Conversations=blog Coca Cola

February 12, 2006

Immagine 19.png

Coca Cola, storico sponsor delle Olimpiadi fin dal 1928, ha creato un blog che conterrà le conversazioni tra 6 promettenti studenti di giornalismo, scelti in 6 paesi: Austria, Italia, Canada, Cina, Stati Uniti, Germania, e il resto del mondo. (Sempre che il blog in questione susciti interesse…)

I “fantastici 6” parteciperanno agli eventi olimpici, alle cerimonie di premiazione,…i loro posts non costituiranno mera cronaca sportiva, piuttosto descriveranno l’atmosfera che si respira durante un evento di tale portata come le olimpiadi.

Micropersuasion, fonte da cui ho scoperto Torino Conversations definisce questa operazione: conversational marketing.

Vedremo se l’iniziativa susciterà interesse..in ogni caso i 6 studenti si divertiranno un mondo…

Blog & Brand

January 13, 2006

Immagine 1.pngImmagine 2.png

Vi propongo altri due esempi di blogs, creati ad hoc, per generare l’effetto passaparola intorno ad un brand.
Rimango sempre più perplesso.
Mi sto infatti convincendo sempre di più, che un blog è utile all’azienda solo nella misura in cui è un “corporate blog” cioè:

  • uno strumento di PR (se rivolto all’esterno dell’azienda)
  • uno strumento di knowledge management (se rivolto all’interno dell’azienda)

Il primo esempio fa parte della campagna ideata dall’agenzia Night Agency per la joint venture tra MTV e Motorola- Head and Body: see one do one teach one, e-cuerpos, bennyagra.

Il secondo esempio invece fa parte di una campagna ideata da Organic per Chrysler Jeep, in cui il blog è una vera e propria risorsa on-line finalizzata alla partecipazione ad un concorso/caccia al tesoro di geocaching: we are the mudds. Laddove la brand presence nel blog è dichiarata, come in quest’ultimo caso, il mio giudizio si addolcisce e arrivo a intravederne l’utilità.

Coca Cola e il falso blog: ingenuità o furbizia?

January 12, 2006

Immagine 5.png

Smascherato il blog thezeromovement! come elemento clandestino (Adrants) della campagna di Coca Cola per promuovere la ex diet coke ora Coca Cola Zero. (“zero” al posto di “diet” per attrarre consumatori di sesso maschile)

L’effetto buzz è stato ottenuto. Mi domando eticamente e seguendo i principi alla base del word of mouth marketing?

voi cosa ne pensate?

blog advertising (parte 2)

December 23, 2005

Immagine 14.png
Forse sarebbe meglio parlare di “RSS advertising“. Comunque…..nel precedente post ho analizzato e descritto come operano ad esempio blogAds e AdBrite.
L’inserzionista:

  • seleziona gli spazi pubblicitari su uno o più blogs che predilige
  • stabilisce la durata della campagna
  • personalizza l’aspetto grafico e contenutistico del messaggio pubblicitario partendo da templates standard pre-formattati
  • visualizza la preview del messaggio
  • approva e paga.

Diverso è l’approccio di Pheedo, una società che gestisce la vendita e distribuzione di spazi pubblicitari all’interno dei feed rss. In questo caso il messaggio pubblicitario viene veicolato dai feed RSS direttamente all’interno del news aggregator dell’utente. Si discute poi circa la maggior efficacia dei messaggi contenuti nei feed rss piuttosto che nelle e-mail. Ancora…si discute se sè più efficace la pubblicità nei feed “in-line” (tra le notizie) o in una posizione autonoma rispetto al corpo del testo. Prossimamente dedicherò post più specifici sull’argomento.

blog advertising (parte 1)

December 21, 2005

Immagine 22.png

via e-fluentials, vi sottopongo un interessante ragionamento sul perchè può essere opportuno investire in pubblicità sui blogs. Secondo uno studio statunitense, il 30% degli utenti internet americani, ha visitato un blog nel primo quadrimestre del 2005. L’aspetto più interessante riguarda le differenze tra l’utente internet “classico” e quello che consulta i blogs, infatti quest’ultimo, consulta più pagine (il 77% in più dell’utente classico) e passa molto più tempo on-line (23 ore settimanali contro le 13 dell’utente classico). Questi dati spiegano perchè molte aziende stanno iniziando ad acquistare sempre più spazi pubblicitari sui blogs con lo scopo di sfruttare al meglio l’effetto “amplificazione del messaggio” e “capitalizzazione del passaparola” attuato dai bloggers che rivestono così il ruolo di “niche influencers e opinion makers”.

Perchè l’advertising sui blogs differisce da quello tradizionale?

perchè differisce il tipo di messaggio pubblicitario e la modalità con cui le aziende scelgono lo specifico blog o il network di blogs su cui pubblicare il loro messaggio.

spesso infatti essendo i bloggers editori indipendenti, trattano e comunicano direttamente con il marketing delle aziende per valutare se e come gestire lo spazio pubblicitario che offrono in cambio di revenues.

il processo di selezione del blog su cui far apparire il proprio messaggio pubblicitario, rende quest’ultimo più efficace perchè ben targettizzato ed in linea con il contenuto e l’audience del blog prescelto.

sebbene anche negli stati uniti, il blog advertising è un fenomeno ancora in fase iniziale, esistono diversi centri media, come blogAds e AdBrite, che vendono spazi pubblicitari su specifici blogs o networks di blogs. (fanno praticamente da intermediari tra l’azienda e i bloggers).
le caratteristiche interessante che rendono il sistema trasparente e diverso sono:

  • la volontarietà dei bloggers di mettere a disposizione spazio pubblicitario
  • il potere dei bloggers di gestire insieme ai clienti forma e contenuti dell’advertising

Il tipo di blog ads che generalmente funziona non è quello incentrato sulle offerte commerciali, ma quello che esprime emozioni, quello che ha una “voce umana e connette le persone”