Archive for the ‘podcast’ Category

RaiPod: offerta pubblicitaria crossmediale della Sipra

May 10, 2006

Immagine 11.png
E' arrivata!…come prevedibile le concessionarie di pubblicità iniziano a sfruttare, ai fini della raccolta pubblicitaria, anche i podcast (….quando toccherà ai video podcast?)

Via Pandemia, scopro questa novità in casa Rai, si tratta di RaiPod:

"RaiPod di Sipra, presentato a Milano nell’ambito della quattordicesima edizione di Radiofestival, è dunque un'offerta pubblicitaria cross-mediale che intercetta pubblici e fruizioni diverse con comunicati pubblicitari che seguono i contenuti radiofonici scelti e i loro diversi terminali: radio, internet, podcasting."

qui trovate il comunicato stampa della Sipra (concessionaria di pubblicità della RAI)
qui trovate la news di PubblicitàItalia in cui si parla della pianificazione RaiPod di Fiat.

Advertisements

Podcasting Legal Guide + Creative Commons

May 2, 2006

enjoy!

Immagine 2.png

Flux: Contenuto Generato dai Telespettatori

April 18, 2006

Immagine 14.png
Nasce Flux, nuovo canale televisivo di MTV che sul modello dell'americana Current TV, si propone di trasmettere unicamente contenuto generato dai telespettatori (video, animazioni, cartoons, cortometraggi e altro). Come spiega Sebastiano di Fascinazioni, è attualmente visibile sulle frequenze analogiche (ma presto sarà trasferito sul digitale terrestre).

per approfondimenti: Fascinazioni

Siae + Podcast

April 11, 2006

via Punto Informatico (11 aprile)

Roma – Il fenomeno del podcasting dilaga e la SIAE ha deciso di prendere provvedimenti: nei prossimi giorni sul suo sito apparirà una nuova licenza a pagamento sia per i siti amatoriali che per quelli professionali, una licenza dal nome esplicativo: Autorizzazione per l’utilizzazione in modalità podcasting delle opere musicali amministrate dalla Siae.

A darne notizia è ilSole24Ore.com che specifica come la SIAE abbia voluto prevedere tariffari diversi a seconda del tipo di podcast e dei materiali contenuti nelle trasmissioni disponibili su web.

In particolare per i siti amatoriali, gestiti cioè da persone fisiche e perlopiù senza scopo di lucro, si prevede che il sito che ospita i podcast paghi 120 euro l’anno ma soltanto se la quantità di musica trasmessa non supera il 25 per cento del totale dei contenuti presenti nel podcast. Sopra questa percentuale, e fino al 75 per cento, il prezzo della licenza sale a 440 euro annui.

Tutto questo, però, solo se il podcast non è molto popolare: sopra i mille download, infatti, alle trasmissioni amatoriali vengono comunque applicate le tariffe stabilite per i podcasting commerciali.

Queste sono ben più alte: si parla di 130 euro al mese per contenuti sotto il 25 per cento e 170 sopra quella percentuale e fino al 75 per cento. In questo caso “si ha diritto” a 15mila download. Ma questo è solo il costo base: SIAE chiederà infatti il 2 per cento dei ricavi se sotto il 25 per cento e il 5 per cento se la musica in gestione SIAE va dal 25 al 75 per cento del totale dei contenuti.

Difficile dire evidentemente come avverranno i controlli e con quali strumenti la SIAE potrà verificare il numero dei download. Ancora più arduo, forse, controllare un altro aspetto della licenza, secondo cui i podcast non devono durare più di 60 minuti e non possono ospitare più di 15 brani. Non solo, se si trasmettono versioni integrali dei brani musicali, questi dovranno essere separati l’uno dall’altro con dei commenti parlati.

La misura SIAE con ogni probabilità spingerà ad un uso sempre maggiore, soprattutto per i podcast amatoriali, di musica libera, ovvero brani musicali pubblicati online per la libera diffusione, una forma di promozione della propria musica che è svincolata dalla SIAE e a cui ricorre un crescente numero di artisti.

Pubblicità del Podcast di Radio Deejay su La Repubblica

March 14, 2006

sconosciuto.jpg

(perdonate la qualità della foto)

Radio Deejay pubblicizza il suo podcast sulla stampa tradizionale! (la repubblica 14/3/2006)

Ipod Audience

March 13, 2006

chart_060308_autos.gif

Un’ interessante grafico che spiega l’influenza dei diversi media nelle decisioni di acquisto degli Ipod User. (settore automotive).

Da notare:

  • Word of mouth: 38.3%
  • TV/Broadcast: 31.6%
  • “ho letto un articolo sul prodotto”: 27.1%

via imediaconnection (via bigresearch)

Chi ascolta i file MP3?

February 23, 2006

Immagine 116.png

Da una ricerca di Big Research sugli utilizzatori di file MP3 emergono i seguenti dati (l’immagine sopra descrive il loro profilo in quanto consumatori):

  • maschi: 64.4%
  • femmine: 35.6%
  • media in base agli anni di studio: 14.5%
  • reddito annuo medio: $67.854 (il 52.1% possiede una casa di proprietà)

Queste le caratteristiche degli MP3 users:

  • hanno un elevato grado di alfabetizzazione tecnologica
  • hanno la TV via cavo
  • hanno un’accesso internet ad altà velocità
  • sono abbonati alla TV satellitare
  • fruiscono di servizi di tipo video-streaming sul cellulare
  • utilizzano il VOIP

Gli MP3 users nel tempo libero:

  • navigano su internet
  • ascoltano musica
  • guardano la TV e quando la guardano il 50% degli MP3 users dichiara che contemporaneamente naviga su internet, legge riviste, giornali, e-mail….

via: when customer talk

Touring Club Italiano lancia le audioguide turistiche per mp3 player e cellulari

February 14, 2006

Immagine 34.png
Via pandemia, scopro che il Touring Club Italiano ha iniziato a produrre le prime audioguide in formato mp3 per player portatili e cellulari. La presentazione avverrà il 20 marzo alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano.

Ipod+videocast+sesso

February 7, 2006

ipodspoof.jpg

Consumerist si domanda se il formato video per L’Ipod avrà implicazioni sociali sul rapporto tra i bambini e il sesso.

Mercedes-Benz: videocast

February 6, 2006

Immagine 21.png

Via adverblog openspace, scopro che anche Mercedes-Benz ha prodotto una serie di 6 videocasts in cui testimonials famosi come la cantante jazz Dianne Reeves o la leggenda dello skateboarding Tony Hawk acclamano lo stile, il design, il comfort e le prestazioni della nuova classe R.

Via melablog scopro inoltre che sempre sul sito è possibile scaricare dei podcasts “parlati”, Text Tracks, vere e proprie compilations di racconti di scrittori emergenti provenienti da tutte le parti del mondo.